Rubriche
Gli Eventi
Guida della Città
Le nostre produzioni
Gli Annunci
L'ECO DI...ACQUAVIVA

L'Eco...di Acquaviva

I fatti raccontati per le nostre strade, le piccole e grandi esigenze, la nostra ....

Entra
...................................................



CINENEWS24

Cine News 24

CineNews24 "HomeCinema" il nuovo programma dedicato al mondo della celluloide.

Entra
...................................................



LA VOCE DELL'AUXILIUM

La Voce dell'Auxilium

Non esistono persone normali e non, ma donne e uomini con punti di forza e ....
Entra
...................................................


Gioia del Colle archivio archivio archivio archivio

A Gioia del Colle laboratori per docenti e genitori nell’ambito di Festival TeatroLab 2.0 Chièdiscena 2019


L’Associazione Genitori e l’IISS “Licei Canudo - Marone - ITI Galilei”, in collaborazione con SIC! ProgettAzioni culturali, nell’ambito dell’edizione 2019 del Festival “Teatro Lab 2.0 CHIEèDISCENA”, organizzano due percorsi di formazione a cura degli esperti di “Casa dello Spettatore” di Roma: “PORTARE A VEDERE” – laboratorio sulla didattica della visione teatrale per docenti e “ANDARE A TEATRO” - laboratorio sull’educazione alla visione teatrale per genitori e spettatori curiosi.

L’intervento nasce per valorizzare e sostenere la stretta correlazione tra la scuola e l'esperienza teatrale che il forte radicamento del Festival Teatro Lab 2.0 CHIEèDISCENA sul territorio ha contribuito a far nascere. Le attività previste partiranno prima dell’inizio del festival, per attivare innanzitutto un discorso strutturato intorno al teatro, e proseguiranno all’interno della manifestazione, con l’obiettivo di avviare uno scambio continuo, vivo e generativo tra tutti i partecipanti.
Il progetto si basa sulla considerazione che imparare a vedere è il risultato di un processo di conoscenza e di crescita che coinvolge la persona dal punto di vista cognitivo ed emotivo e che tale processo si realizza in maniera consapevole quanto più il singolo all’interno di una collettività sia messo nella condizione di condividere attese, curiosità, conoscenze e ipotesi che precedono la visione di uno spettacolo e di ritrovare nel gruppo dei rimandi, approfondimenti e stimoli ulteriori, in una fase successiva.

“Portare a vedere”
Laboratorio per docenti (in particolare di scuola secondaria di primo e secondo grado)
Il percorso mira a progettare ed elaborare quelle azioni utili ad accompagnare i ragazzi e le ragazze alla visione degli spettacoli teatrali e valorizzare il ruolo dell’insegnante come mediatore culturale consapevole e formato. In ambito scolastico, sono i docenti, infatti, a garantire l’incontro tra teatro e ragazze e ragazzi. Da qui l’importanza di una formazione a loro dedicata, per fornire strumenti utili ad attivare azioni che possano costruire un percorso di educazione al teatro, condiviso e partecipato.
Il corso ha una durata complessiva di 25 ore, articolate come segue:
-    3 incontri per un totale di 9 ore di formazione articolate in 3 giornate (che verranno successivamente comunicate) che precedano l’inizio del Festival, da febbraio ad aprile;
-    (Focus: Chi è di scena? Gruppo di visione in festival) 4 incontri per un totale di 8 ore di formazione articolate in 4 giornate da individuare all’interno del festival, dal 2 al 12 maggio 2019, per approfondire il discorso sullo sguardo allargando la riflessione a quella particolare forma di teatro che è il teatro della scuola. La visione degli spettacoli sarà il centro dell’osservazione ma anche il punto di partenza per allargare e spostare lo sguardo, per entrare nell’esperienza di essere spettatori, un appuntamento quotidiano per incontrarsi dandosi tempo e spazio per una discussione attorno al teatro in generale e alla specificità e al valore educativo del teatro della scuola;
-    8 ore di visione di spettacoli, incentrati sulla parola chiave “Differenze”: tema dell’edizione 2019 del Festival.

“Andare a teatro”
Laboratorio per genitori (in particolare dell’I.I.S.S. Ricciotto Canudo), spettatori e spettatrici
Andare a teatro è innanzitutto condividere un’esperienza di comunità e obiettivo principale della Casa dello Spettatore è restituire all’arte la sua funzione sociale, alimentando la curiosità e la consapevolezza del pubblico in modo strutturato. Per questo propone un percorso di visione teatrale, destinato a genitori, spettatori e spettatrici che attraverso incontri prima e dopo la visione crei un’occasione di conoscenza e di convivialità cittadina in cui condividere e trovare nuovi sguardi e nuove prospettive.
Il percorso ha una durata complessiva di 25 ore, articolate come segue:
-    3 incontri per un totale di 9 ore di formazione articolate in 3 giornate (che verranno successivamente comunicate) che precedano l’inizio del Festival, da febbraio ad aprile;
-    (Focus: Chi è di scena? Gruppo di visione in festival) 4 incontri per un totale di 8 ore di formazione articolate in 4 giornate da individuare all’interno del festival, dal 2 al 12 maggio 2019, per approfondire il discorso sullo sguardo allargando la riflessione a quella particolare forma di teatro che è il teatro della scuola. La visione degli spettacoli sarà il centro dell’osservazione ma anche il punto di partenza per allargare e spostare lo sguardo, per entrare nell’esperienza di essere spettatori, un appuntamento quotidiano per incontrarsi dandosi tempo e spazio per una discussione attorno al teatro in generale e alla specificità e al valore educativo del teatro della scuola;
-    8 ore di visione di spettacoli, incentrati sulla parola chiave “Differenze”: tema dell’edizione 2019 del Festival.


CASA DELLO SPETTATORE
L'associazione culturale Casa dello Spettatore, finanziata dal Ministero dei beni e delle attività culturali, collabora su tutto il territorio nazionale con teatri, circuiti e compagnie. È uno spazio permanente di studio, sperimentazione e ricerca teorico-pratica sull’esperienza di essere spettatori le cui finalità sono: - costruzione di comunità di cittadini che nella fruizione condivisa dello spettacolo trovino opportunità di crescita individuale e collettiva; - formazione, sviluppo e qualificazione del pubblico delle varie forme di spettacolo; - educazione dello spettatore di tutte le età con particolare attenzione alle giovani generazioni e al rapporto con la scuola. Il lavoro si struttura intorno ad un’idea: andare a teatro è innanzitutto condividere un'esperienza di comunità e obiettivo principale è restituire all’arte la sua funzione sociale, alimentando la curiosità e la consapevolezza del pubblico in modo strutturato.

Per l’adesione è richiesto un contributo, comprensivo dei biglietti di ingresso agli spettacoli.

Al termine sarà rilasciato a cura dell’IISS “Licei Canudo-Marone - ITIS Galilei” un attestato di partecipazione con la certificazione delle ore svolte e, per i docenti, la possibilità di ottenere un credito formativo.

La scadenza per l’iscrizione è fissata al 30 gennaio 2019.
Il corso sarà attivato in presenza di un numero minimo di 20 iscritti.

Per adesioni e ulteriori informazioni scrivere una mail a:
asscanudo@virgilio.it o sic.progettazioniculturali@gmail.com

Gioia del Colle, 22/01/2019





   
 


linea
| copy | credits | privacy |
| HOME | MAPPA | CONTATTI | DOVE SIAMO | SEGNALA IL SITO | LAVORA CON NOI |
Copyright © 2014 ASSOCIAZIONE PROGETTO SPAZIO 2000. Tutti i diritti riservati.
Via Maria Scalera,66 - 70021 Acquaviva delle Fonti (Bari) - P.IVA 05553400721
Tel./ 080.76.15.40 - e-mail: info@telemajg.com
telemajg@libero.it